18 commenti su “Il viaggio di ritorno

  1. Credo che la vera magia e maturità dell’amore sia l’assoluta coincidenza di stimoli e sensazioni tra le persone…una specie di onda vibratoria assolutamente sovrapponibile… solo che purtroppo capita raramente…

    • ciao Gigi, benvenuto 😉 hai scritto un commento che avrei potuto scrivere io 🙂 capita raramente perchè non sappiamo riconoscerlo e anche se lo riconosciamo non sempre ci è permesso viverlo. quando ero bambina e guardavo la tv mi faceva arrabbiare il fatto che le storie d’amore non avessero compimento nonostante ci fosse amore reciproco… da grande ho poi capito … ma questa è un’altra storia

      • Ciao Margot! Grazie e benvenuta anche a te. Mi fa piacere che la pensiamo alla stessa maniera ed infatti mi lascia sempre perplesso soprattutto il mancato riconoscimento di quell’identità di sentimenti. Il caso dell’impossibilità di viverlo posso anche accettarlo, ma il non riconoscerlo mi sembra quasi una beffa. Evidentemente sbagliamo qualcosa, oppure c’è una chiave che non abbiamo ancora scoperto…io ci sto lavorando… 😉 Buona giornata ed un saluto!

        • ci sono misteri che accadono e non possono essere svelati, l’ amore è fra questi. Il nostro inconscio sente, percepisce, avverte, ma la razionalità deve supportare. Non la penso come Pascal… il cuore ha le sue ragioni che la ragione riconosce per procedere. Io sono per l’unità del nostro essere e non per percorsi dicotomici o addirittura aporie che una certa cultura ha portato avanti per millenni, perpetuando un grosso “inganno” ai danni della psiche

          • La penso anche io così…il progresso c.d. “tecnologico” ci è costato un regresso spirituale ed intuitivo molto pesante. Alla società del “sentire” si è ormai completamente sovrapposta quella del “godere”, tanto è tutto pronto e preconfezionato ormai, da coloro che hanno con questi mezzi acquisito il controllo delle masse. Ma io sono un’inguaribile ottimista e sento che l’aria sta cambiando…non so, per esempio i bambini di oggi sono diversi, più “capaci” sotto quel punto di vista. La famosa “fine del mondo”Maya, in realtà era un passaggio da un’era millenaria ad un’altra…da credente nella reincarnazione, i frutti me li godrò, con ogni probabilità, nelle prossime vite…staremo a vedere 😉

            • curioso, sul suo blog all’ultimo post lei fa l’apologia della cicala a dispetto della formica. Cosa confermata nei commenti(salvo il suo ambiguo barcamenarsi appoggiando visioni discordanti). Ma poi qui mi fa la morale alla società gaudente(cui lei indiscutibilmente appartiene); e si spinge persino a parlare di bambini, quando conoscendola di persona mi ha fatto ben capire quanto le sia estraneo il concetto di famiglia e di responsabilità. Per non parlare del suo innato senso del rispetto nei confronti del prossimo, ne vogliamo argomentare? Difficile capire a che gioco lei giochi, forse a questo… https://senzafilo.wordpress.com/2015/07/25/0955-incantatori-di-pecore/

              quanto alla reincarnazione, sono d’accordo con lei, certamente godrà i frutti di ciò che ha seminato, ovvero il nulla. Anzi probabilmente non dovrà neppure attendere una vita ulteriore 🙂

              • ps: chissà se il signor pallix si risentirà che a seguito del mio intervento qui, lei abbia eliminato la risposta al suo commento… che fa ci ha ripensato al “cicala tutta la vita!”? ahahahah 😀
                lei è un gran burlone, ma io lo sono più di lei… 😛

          • se ne hai voglia sul mio blog c’è una categoria Eros, molto poco iperuranica…
            ho anche notato che ti sei occupata, o ti occupi, di paganesimo, quindi se parliamo di ierogamia e di possessione divina nella sessualità troviamo un comune linguaggio no? 😉

        • ti rispondo qui. .l’Amore per me è sacro, in senso pagano sì, perchè non è puro spirito ma sentimento e carnalità, apollinneo e dionisiaco appunto, in questo senso la ierogamia può assumere la struttura rituale che le è propria, a questo aggiungi una forte componente cerebrale che serve da collante all’intensità ma allo stesso tempo impedisce il debordare delle emozioni non oltre il tempo necessario… parlando in questo modo chirurgico sembra un processo attuato su comando, ma non è cosi, e qui sono d’accordo con te, quando dici che l’amore semplicemente accade…o qualcosa di simile…tutto il resto è letteratura

    • in effetti è una sensazione che sto esplorando, la vera eternità dell’amore passa attraverso questo concetto. è qualcosa che va oltre la passione. grazie del passaggio caro Massimo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...