17 commenti su “Maldanima

    • così si legge tutto e bene …. ma lo sfondo deve piacere prima di tutto a te … comunque questo così pieno di silenzio e di neve a me piace tanto … 🙂
      un abbraccio a te

      • piace anceh a me Stella….ho deciso che faccio un tempalte stagionale, del resto il titolo lo richiede….

        così immortalo il ritmo stagionale del mio adorato parco, dove, purtroppo la neve ha fatto dei danni gravi e irreversibili…rami e rami spezzati, confido che la natura sappia curare bene le sue ferite

        e pesanre che a dicembre erano spuntate le margherite 🙂

  1. no … svegliarti brutta sarebbe ancora peggio per la tua anima …
    aggiungerebbe dolore a dolore ..
    e allora al risveglio … sorridi ai tuoi occhi chiari
    anche se ti costerà fatica ..

    P.S.
    volevo dirti, se posso, che io i commenti non riesco a leggerli bene… le parole sono quasi trasparenti 😦
    forse succede solo a me perchè ci vedo poco … boh !

    • ciao Stella… in effetti c’è la trasparenza che ne impedisce una buona lettura, succede se metto uno sfondo che wscelgo io.. non so a cosa rinunciare se allo sfondo o alla buona lettura dei commenti, però se evidenzi con il mouse diventa arancione compatto e si legge bene…
      prova e fammi sapere.
      ti abbraccio forte…avvolta da muri di neve, sto sofffocando..basta

  2. Hai desiderio di volare Margot, di penetrare il lu profondo del mare, di dare sfogo alle tue passioni, di guardare negli occhi quando vieni guardata negli occhi.

    Perdonami, quello che leggo è simile ad una mia sensazione ricorrente e quello che ho scritto è quello che io desidero.

    🙂

    • non ho niente da perdonarti Rex, la poesia non appartiene al poeta che la scrive
      l’amore certo per me è passione, il maldanima però è diverso dal maldamore, è qualcosa di più ingestibile

  3. scriviamo quello che siamo, quello che sentiamo, o quello che sentono gli altri quando ci entra dentro e proviamo le stesse emozioni, la stessa sofferenza. per questo non mi è facile commentare, comunque ti leggo in silenzio. mari

    se potessimo spogliarci
    di tormenti e paure
    e lasciarli cadere
    come petali di fiori stanchi
    sarebbe facile svegliarci
    – ogni giorno
    invece rimangono avvizziti
    uno sull’altro
    perché possiamo contarli
    – ogni giorno.

  4. il corpo soffre, le emozioni dilagano crudeli
    ecco
    come si manifesta l’anima…
    forse sarebbe meglio non averla?
    un abbraccio

    • il guaio o la cosa bella, varia dalla circostanza, che il corpo e l’anima non prescindono lpuno dall’altro… così accade che la commisione in gioia e dolore sia inevitabile

  5. Questo trasparente materiale emotivo che cammina impazzando tutta la notte per poi parlare all’alba nel candore di ” briciola di sudore pallido” è davvero un bel leggere.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...